Dubai, una città sempre più green ed ecosostenibile

dubai russia

Una città innovativa, per definizione, sa adattarsi velocemente alle sfide del suo tempo.

La maggiore sarà circoscrivere i disastri provocati dall’emergenza climatica, e Dubai ha subito fatto capire al mondo che vuole essere la protagonista della transizione verso un’economia green.

Questa volontà non trova espressione in semplici, per quanto spettacolari, attrazioni turistiche come il Green Planet, una foresta pluviale in miniatura collocata in un museo.

La svolta green di Dubai è una questione pervasiva, riguardante ogni singolo aspetto che tiene viva la città, come le infrastrutture e i servizi.

Fa parte di una strategia di allontanamento progressivo dal petrolio e dalle risorse non rinnovabili cominciata qualche decennio orsono.

Una scelta coraggiosa, dato che la scoperta del petrolio nell’Emirato di Dubai ebbe un’importanza capitale nello sviluppo della metropoli che conosciamo.

Nonostante ciò, il Governo emiratino comprende che per salvaguardare la prosperità di una città sorta nel deserto, e il benessere delle generazioni attuali e di quelle future, non è più possibile basare la propria economia sul petrolio soltanto, ma bisogna investire nel capitale intellettuale, derivato dalla ricerca e dalle scoperte scientifiche, le uniche in grado di convertire il progetto di un’economia sostenibile in realtà.

Le politiche green di Dubai sull’energia

Dubai ha all’attivo due iniziative focalizzate sulla rivoluzione energetica dell’Emirato:

  • la prima è la Dubai Integrated Energy Strategy 2030, iniziativa lanciata nel 2011 con lo scopo di diversificare le fonti di energia, e di aumentare la quota di energia pulita prodotta al 29% entro il 2030;
  • segue la Dubai Clean Energy Strategy 2050, iniziativa lanciata nel 2015 che punta a rendere Dubai un centro globale dell’economia green e dell’energia pulita. Entro il 2050 il 75% del fabbisogno dell’Emirato dovrà provenire da fonti di energia rinnovabili.

La rivoluzione green dell’energia coinvolge anche l’uso intelligente e il risparmio di quella che già viene prodotta.

La DEWA (Dubai Electricity & Water Authority) ha sostituito i contatori convenzionali con 200.000 contatori intelligenti, e dal 2013 ha iniziato a includere nella bolletta il rendiconto delle emissioni di CO2 corrispondenti al consumo di elettricità, per sensibilizzare i residenti sull’impatto dei gas serra nel cambiamento climatico.

Realizzare una città ecosostenibile richiede un cambiamento anche nel settore industriale. L’Emirato di Dubai mira ad ottenere un’industria sostenibile, nella quale vengano adottate tecnologie e processi industriali rispettosi dell’ambiente e venga fatto un uso oculato delle risorse disponibili.

I provvedimenti presi a Dubai su carburanti e inquinamento

Dubai sta facendo grossi sforzi per ottenere la riduzione dei gas serra prodotti dalle sue industrie.

Già in un rapporto sullo stato dell’economia green, redatto nel 2014, si legge che la metropoli era riuscita a ridurne la percentuale del 12% in 5 anni.

La politica dell’Emirato sull’inquinamento atmosferico provocato dall’estrazione del petrolio si sta ormai spostando verso la tolleranza zero.

Tra le riforme necessarie per la transizione green c’è l’eliminazione definitiva della pratica del gas flaring, che consiste nel bruciare senza recupero il gas naturale in eccesso estratto insieme al petrolio, e che contribuisce alle emissioni di gas serra.

Piuttosto che bruciarlo, sono nate a Dubai iniziative per l’uso del gas naturale come carburante sostenibile al posto della benzina già nel 2006.

Nel luglio del 2014 gli Emirati sono diventati il primo Paese del Medio Oriente a rendere obbligatorio per i veicoli l’uso del green diesel, un diesel con una concentrazione significativamente bassa di solfuri, i quali sono dei forti inquinanti dell’aria.

La svolta green di Dubai nell’edilizia e nelle infrastrutture

Lo Smart City Index 2021 vede classificate come città più smart del Medio Oriente la città di Dubai e la capitale degli EAU Abu Dhabi.

Le informazioni necessarie a stilare la classifica provenivano da un sondaggio al quale i residenti di Dubai sono stati sottoposti per valutare le infrastrutture, i servizi e le opportunità offerte dalla metropoli del Golfo Persico.

In questi anni Dubai sta facendo molto per diventare ecosostenibile dal punto di vista urbanistico.

È impegnata nella realizzazione di parchi e spiagge intelligenti e di community green, ha costruito un efficiente sistema di trasporti pubblici.

Già nel 2010, a Dubai e nel resto degli Emirati Arabi Uniti sono stati approvati i nuovi standard di edilizia sostenibile, con l’obiettivo di ridurre entro il 2030 del 30% le emissioni di carbonio in atmosfera.

Le community green ed impatto zero di Dubai

Il settore immobiliare a Dubai è fiorente.

Soprattutto in questi ultimi anni stanno sorgendo delle community in cui il benessere e la qualità della vita sono abbinate ad un impiego sostenibile delle risorse, come l’acqua, e dell’energia, e a un rapporto più sano con la natura.

Esempi di community eco-friendly e ad impatto zero a Dubai:

  • Jumeirah Golf Estates
  • Al Barari
  • Dubai Silicon Oasis
  • Sustainable City

Non bisogna fare l’errore di pensare che le zone verdi a Dubai siano solo nelle community elencate, e che il resto sia tutto vetro, cemento e asfalto.

Ogni community di Dubai è una mini città dentro la metropoli, dove si può abitare avendo il comfort di infrastrutture e servizi a portata di mano. Essendo Dubai una città adatta a tutti, famiglie con bambini, persone amanti dello sport e del relax, e così via, il green è sempre presente.

Le zone verdi, i parchi, sono fondamentali a livello ecologico ma anche di benessere umano.

Senza contare che svolgono l’importante ruolo di rinfrescare una città con un clima desertico, promuovendo così il risparmio energetico, come richiesto dall’Agenda Green di Dubai.

Buy&Go è un’agenzia immobiliare italiana che lavora attivamente a Dubai, negli Emirati Arabi Uniti.

Per avere maggiori informazioni sulle community e i progetti immobiliari più interessanti del momento, contattaci per fissare un appuntamento conoscitivo.

Fonti:

https://www.climate-laws.org/geographies/united-arab-emirates/policies/uae-green-agenda-2015-2030

https://u.ae/en/about-the-uae/economy/green-economy-for-sustainable-development

https://u.ae/en/information-and-services/environment-and-energy/the-green-economy-initiative/efforts-to-achieve-green-economy-

https://u.ae/en/about-the-uae/digital-uae/smart-sustainable-cities

https://www.ilturista.info/blog/12318-Desert_Rose_City_a_Dubai_la_nuova_citta_ecosostenibile_a_forma_di_fiore/

https://www.dubai.com/blog/dubai-going-green/

https://www.bayut.com/mybayut/eco-friendly-areas-dubai/

https://emiratesgbc.org/uae-sustainability-initiatives/

Pubblicato il
4 Agosto 2022

Potrebbe interessarti

Inizia la chat
1
Bisogno di aiuto?
Ciao!
Posso esserti di aiuto?